Arredare in stile scandinavo: 6 consigli utili

Arredare in stile scandinavo: 6 consigli utili
Ultime notizie Team Casarreda Store

Ami circondarti di luce e le atmosfere rilassate e tranquille? Il freddo nord potrebbe fare al caso tuo. Ecco come arredare in stile scandinavo la tua casa

Lo stile scandinavo, anche detto nordico, è uno stile di vita, ed è adatto a chi dalla sua casa cerca pace e tranquillità. Questo stile sta spopolando anche in Italia, soprattutto grazie alla sua sobrietà, luminosità e grade eleganza data da texture naturali, colori chiari, tanto legno e semplicità.

Arredare in stile scandinavo è molto semplice, ma bisogna stare bene attenti a seguire alcune regole per non rischiare di confonderlo con altri stili. Lo stile minimal, ad esempio, è molto simile allo scandinavo, con la differenza che quest’ultimo è molto più caldo e accogliente. Vediamone insieme le caratteristiche principali per arredare al meglio la tua casa!

Arredare in stile scandinavo: le 6 caratteristiche principali

“Less is more” è il motto dello stile scandinavo, via il superfluo. Praticità e funzionalità per fare spazio all’essenziale, niente fronzoli ma solo ordine e armonia con la natura. Lo stile scandinavo è caratterizzato dalle linee rette, forme semplici, blocchi di colore, soprattutto molto chiari, e materiali e tessuti naturali. Ecco le 6 caratteristiche principali di questo stile.

Arredare in stile scandinavo: 6 consigli utili

Grande luminosità: una delle particolarità più importanti dello stile scandinavo è, senza dubbio, la voglia di luce. Nei paesi scandinavi, infatti, i mesi invernali sono molto rigidi e bui, per questo motivo gli interni si devono prestare all’amplificazione degli effetti luminosi. Ecco perché si tende ad usare il bianco per le pareti e i pavimenti e si dà una grande importanza alle lampade e le candele.
Spazi aperti: per ripararsi dalle rigide temperature, poi, nei paesi scandinavi si tende a passare molto tempo in casa con parenti e amici, quindi, gli spazi devono essere molto aperti e funzionali. La zona giorno è quasi sempre un open space e gli ambienti sono per lo più molto ampi.
Legno: date le linee pulite dei complementi d’arredo, il quasi total white e l’ampiezza degli spazi, il legno è il materiale più usato nello stile scandinavo per scaldare l’ambiente e renderlo più accogliente possibile. I legni usati, utilizzati dal salotto, alla cucina alla camera da letto, sono soprattutto chiari come l’abete, la betulla, il pino, il rovere e il frassino. Il legno trova largo impiego nei mobili, come tavoli, credenze o poltrone con i piedini in ciliegio, ma anche nei pavimenti dove viene di solito sbiancato.
Funzionalità: nessun complemento d’arredo inutile, nessun fronzolo nelle decorazioni. Le linee dei mobili devono essere semplici e pulite senza stravaganze. Via il superfluo, solo l’essenziale.
Bianco e colori chiari: per il motivo a cui abbiamo accennato prima, la ricerca della luminosità, arredare in stile scandinavo significa soprattutto fare uso del bianco, poiché è il colore che restituisce tutta la luce che riesce a ricevere. Pareti, soffitti e pavimenti sono di solito bianchi, così come i mobili e gli infissi. Non mancano, però, soprattutto per quanto riguarda i complementi, altri colori a piccoli tocchi che facciano contrasto o che si accostino benissimo con il bianco, come il nero, il grigio, l’azzurro, il rosa, il beige o leggere note pastello.
Materiali e tessuti naturali: lo stile scandinavo ha un occhio di riguardo verso l’ecologia e la natura. Per stemperare le linee pulite e geometriche dei mobili, entrano in scena materiali e tessuti del tutto naturali come il lino, lana, cotone e cuoio che rivestono tappeti, cuscini e pouf, molto usati in questo tipo di stile. Si aggiungono anche le coperte e i tappeti di pelle di pecora.