Quando un materasso è dispositivo medico: tutti i vantaggi

Quando un materasso è dispositivo medico: tutti i vantaggi
Ultime notizie Rita Guitto

Dormire su un materasso che è anche un dispositivo medico può risolvere davvero molti problemi di salute. Ecco tutti i vantaggi nel comprarne uno

La nostra schiena è continuamente sottoposta a sforzi e stress a causa di continue vibrazioni, posture sbagliate, urti e fatica. Se quando si dorme non ci si stende su un materasso adeguato, questi problemi non fanno che aumentare.
Ecco perché è importantissimo scegliere di dormire su un materasso che è anche un dispositivo medico che riesce a sostenere il corpo e l’apparato scheletrico in modo appropriato e corretto, risolvendo innumerevoli problemi di salute.

Perché fa male dormire su un materasso inadeguato?

Un materasso troppo morbido non riesce a sostenere in maniera corretta la colonna vertebrale, mentre un materasso troppo rigido ti costringe ad assumere una posizione innaturale.
In tutti e due i casi, i muscoli che circondano la zona cercano di correggere la postura ma difficilmente ce la fanno. Di conseguenza, ci si sveglia irrigiditi, doloranti e per nulla riposati. Sempre se si è riuscito a dormire!

Le caratteristiche del giusto materasso

Un materasso considerato presidio medico è tale solo quando è composto da materiali che siano stati sottoposti a test di laboratorio che ne certifichino la sicurezza e l’efficacia e che, inoltre, sia stato fabbricato secondo le normative europee.
Deve assolutamente avere le seguenti caratteristiche:

  • Deve assicurare una postura corretta;
  • Deve assicurare un’efficace dispersione di calore e umidità;
  • Deve avere una bassa pressione di contatto;
  • Deve avere ridotte forze di attrito.

Solo nel caso in cui un materasso abbia tutti questi pregi, allora può essere considerato a tutti gli effetti un dispositivo medico che può essere usato per ridurre e prevenire le lesioni cutanee, dette piaghe da decubito, causate da una lunga permanenza a letto per problemi di salute. Un materasso presidio medico, infatti, permette di distribuire nel modo giusto la pressione del nostro corpo sulla superficie.
Solitamente, sono dispositivi medici i materassi in memory foam, i materassi schiumati ad acqua, in lattice o con molle rivestite, poiché assicurano un’ottima traspirazione e comodità se si è costretti a letto per troppo tempo, grazie ai vari strati di diverse densità con cui sono composti e ai materiali ipoallergenici.
Ogni materasso di questo tipo, comunque, per essere considerato dispositivo medico a tutti gli effetti, non solo deve avere tutte le caratteristiche sopra elencate ma deve anche avere la marcatura CE e deve essere classificato secondo i sensi degli art. 1 e 2 del D.LGS del 24 febbraio 1997 n° 46.

Le detrazioni fiscali

Non tutti sanno, infine, che la spesa per l’acquisto di un materasso come dispositivo medico ad uso terapeutico è detraibile.
Per ottenerla, il consumatore che lo compra deve possedere un certificato medico o un’autocertificazione che spieghi i motivi per cui si ha bisogno di un materasso di questo tipo e uno scontrino fiscale “parlante”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!